Deborah Mendolicchio | Arte dopo epidemia covid - 19 come ripartire subito
Vuoi farti fermare anche tu dalla pandemia? oppure vuoi iniziare a ragionare con la tua testa? leggendo questo articolo scoprirai la ricetta magica che avevi già nelle tue mani per non fermarti affatto grazie a rip-Arte!
crisi, epidemia, ripartire, dopo, pandemia, epidemia, coronavirus, covid - 19, riapertura, fase 2
967
single,single-post,postid-967,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
ripArte copia

L’arte si è fermata? cosa succederà dopo? si ripArte?

La parola ‘dopo’ presume ci sia stato un prima, no? oppure vogliamo annientare tutto il nostro vissuto fino ad oggi dato che siamo incerti per il domani?

E’ fondamentale oggi più che mai fare ordine nell’ABC delle nostre fondamenta, soprattutto rimettere ordine interiormente fra le mille paure, pensieri, ansie che attraversano il nostro viso come uno stormo di uccelli neri che ci spaventano e opprimono.

Abbiamo una scimmietta istintiva nella pancia che comincia a saltare e strillare quando teme la cosa vitale e basilare: il cibo, la salute, la casa, la famiglia, le risorse basiche insomma. Non ha mica torto, lei è lì apposta, a ricordarci che prima di tutto vogliamo vivere.

In un’epoca di incertezze che si alternano fra reali (ho perso il lavoro, non riesco a fare la spesa, soffoco chiuso in casa, il mio famigliare ha il virus ecc) e incertezze non sempre reali ma proiettate dalla comunicazione massificata (forse perderò il lavoro, chissà se tutto tornerà come prima, chissà se l’arte che è così effimera continuerà ad essere un business, chissà se mi ammalerò ecc.), la scimmietta parte e invade gli spazi della ratio, della creatività, della scelta consapevole, della progettazione per il futuro. Siamo terrorizzati e confusi in un qui ed ora nefasto senza nemmeno sapere se veramente riguardi noi nello specifico e in che misura.

Allora cosa ne dite se andassimo a sviscerare dove risieda una via d’uscita prima alla scimmietta così continua a correre fra le liane senza troppo strillare, e al tempo stesso ridoniamo spazio alle informazioni utili a creare, immaginare, ricostruire il nostro mondo nell’arte?

Più sopra accennavo che se possiamo avere paura di un adesso e di un dopo, significa che avevamo un prima reale che temiamo di perdere oppure abbiamo perso realmente!

Iniziamo a scrivere:

  • fino a marzo, negli ultimi 3 anni, cosa ho fatto nell’arte? dove ero arrivato? facendo quale percorso? ero un gallerista? un artista? un collezionista? un operatore di settore, non so, un curatore? un agente?
  • quali erano le mie azioni? ritmi della giornata, della settimana, del mese, dei trimestri, dei semestri e dell’anno;
  • avevo un fatturato? era sufficiente? la mia attività in arte era ottimizzata? la mia collezione era completa? curata? valorizzata? curavo eventi in numero congruo alle mie necessità?
  • come arrivo oggi di fronte alla crisi? ho le tasche piene al sicuro? ero già in bilico ed ora non so che fare? le mie economie ancora non erano state attivate, stavo appena partendo?
  • cosa avevo pianificato per la primavera estate? eventi in galleria? eventi per valorizzare la mia collezione? eventi da curare? nuovi dipinti da proporre?
  • cosa avevo pianificato da qui a 3 – 5 anni?
  • Come vi sentite da quando è scoppiata la pandemia e tutto si è fermato? come state?

Abbiamo scritto tutto?

Vorrei invitarvi a parlare di tutto questo con me, insieme ad altri amici come voi, che hanno voluto interagire con questo articolo, con queste domande.

Vi aspetto, se vorrete, a “ripArte: senza risposte”, il webinar pensato per riflettere su queste domande e le relative risposte non-risposte, che terrete lì perché ne parleremo anche in modo impersonale, volendo, e chi vorrà ci sarà anche modo di condividere mettendoci la faccia (prenotare domanda di confronto al link qui sotto).

Non vi prometto che uscirete dall’incontro con tutte le risposte, nemmeno con una nuova commissione oppure con la liberatoria a fare eventi.

Usciremo da questo webinar interattivo con una visione inaspettata, qualcosa che ci farà ragionare e ricominciare a progettare e sognare. Usciremo con il nostro patrimonio relazionale, il nostro network ampliato, perché farò sì che tutti i presenti che lo desiderino abbiano modo di presentarsi ed interagire fra loro: Galleristi, artisti, collezionisti e operatori di settore vari.

Usciremo con una ricetta magica, consentitemi questo parallelo fiabesco, scoprendo che in realtà era già lì nelle nostre mani (questa è la vera magia). Avremo il possesso pieno del nostro presente rivolto al futuro.

E’ gratuito e nasce dalla mia esperienza in campo artistico di 16 anni di attività in cui ho potuto verificare sulla mia pelle le difficoltà del settore e fra vari alti e bassi, ho potuto mettere a punto delle best practice che mi hanno supportata anche oggi, rimanendo attiva lo stesso, anche dove tutti dicono che siamo fermi! (mai stata ferma, anzi, ho l’agenda fitta!).

Sarete con me il 22/04/2020 alle ore 17:00 – 18:30? nel caso vi invierò un link per accedere al webinar gratuito!

Prenota qui: PRENOTAZIONI GRATUITE

Staremo bene insieme.

Deborah