Deborah Mendolicchio | Orientamento professionale per artisti
Vivere d'arte, l'arte può essere un lavoro serio, strategico, strutturato e proficuo. Esiste un metodo di lavoro che può orientarti al mercato dell'arte in modo semplice e pratico.
Arte, Arista, Professione artista, Professionale
859
single,single-post,postid-859,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
_DSC6025

Orientamento Professionale Arte

Matilde è una giovane creativa dotata di forza espressiva naturale, innata.
La sua formazione artistica deriva dal Liceo Artistico unito a percorsi individuali legati alla tecnica pittorica, che, tuttavia, pare voglia destrutturare ogni qual volta rischi di diventare scolastica, maniera, esercizio artigianale. 
Il tratto pittorico è in fase di scoperta, perché a scuola ti insegnano delle tecniche, poi per riuscire ad esprimere tutto il tuo potenziale occorre tempo e ricerca che spesso dura una vita anche quando sei un artista affermato!

Onestamente se l’artista smettesse di crescere e ricercare, è come se Gatto Silvestro acchiappasse Titti: finirebbe il gioco, finirebbero le puntate e le avventure.

 
E’ questo che divide un artigiano da un artista e Matilde non si è voluta limitare ad imparare a dipingere bene, ma proprio quando è stata capace di creare un dipinto col plauso accademico, ecco che nasce questo ritratto sovversivo per il suo consueto percorso: Dana (Matilde Montanari, cm 50 × 150 olio su tela, 2019)
Qui si inizia a vedere il nemmeno tanto timido tentativo di disfare la bellezza estetica convenzionale con del nero bituminoso che interferisce con la delicatezza della bella pittura. Si sente attratta dalla luce e dai contrasti luce ombra. Le piacciono le matite grasse, quelle che se non stai attento sporcano il foglio dappertutto da tanto sono morbide e scure e le consentono di calibrare il tratto in un segno sensibile, cosa che la matita chiara, dura, non consente, salvo non si calchi fino a bucare il foglio di carta!
La pittura, nel soggetto, non è ancora definita in modo del tutto personale, ma sulla scelta aggressiva del nero che dallo sfondo graffia la bellezza ci sarebbe da dire tanto.
“Dana”, racconta Matilde “è per me sinonimo di musa che ispira, sento che mi chiama a dipingerla come una figura elegante ma conturbante perché la sua chiamata è irresistibile, io la sento” (……) “Rispetto agli altri dipinti questo lo sento libero, l’ho fatto con più elasticità e spontaneità del solito. Stranamente non mi interessa così tanto se piace o no, perché mi sono sentita realizzata”.
         Matilde                  WhatsApp Image 2020-02-12 at 17.33.28
 
E’ nel sovvertire la norma e la regola che si posano le basi della ricerca artistica personale.
Non stiamo quindi parlando di un dipinto del tutto risolto, oppure di un’artista affermata, ma di una persona con una grande forza espressiva cui deve dare forma con urgenza esistenziale.
 
Cara Matilde, continua così! a sovvertire l’ordine precostituito e a cercare la tua vera identità d’artista!
Che speranza ha oggi una giovane artista come Matilde di cavalcare il mercato dell’arte?
Fa parte dell’orientamento professionale per artisti, proprio un’ora di confronto su questi temi:
– come ci si approccia al mercato dell’arte;
– cos’è il mercato dell’arte;
– qual’è la mia nicchia specifica;
– a quale target di cliente collezionista corrisponde;
– in quale-quali paesi del mondo posso emergere;
– on line oppure off line;
– quale gallerie sono in target con me;
– come raggiungere il mio target;
– sono pronto o serve ulteriore formazione;
Sono solo alcuni degli spunti che posso offrirti!
Se pensi che possa essere interessante, invia un’email: info@deborahmendolicchio.com oppure telefonami: 3381858191 per prenotare la tua ora di consulenza gratuita al mercato dell’arte ovunque tu sia, anche via video chiamata (WhatsApp, Skype, Messenger).
Ciao!
Deborah